Associazione CLESSIDRA
VIAGGI

· Dal 23 al 25 febbraio 2018:
LA ROMA DEI CESARI

Viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta della Roma dei Cesari, la Roma antica degli Imperatori, quella che fu la Roma caput mundi, ovvero il crocevia di ogni attività politica, economica e culturale mondiale. I Mercati di Traiano sono un complesso archeologico dalle caratteristiche assolutamente uniche a Roma e possiamo dire nel mondo; rappresentano infatti un “quartiere” che ha vissuto l’evoluzione della città dall’età imperiale ai giorni nostri, costantemente riutilizzato e trasformato: da centro amministrativo strategico dei Fori imperiali, a residenza nobiliare, a fortezza militare, a sede prestigiosa di convento, a caserma… in un continuo divenire, che si avverte nelle trasformazioni architettoniche. Al suo interno, è stato inaugurato nel 2007 il Museo dei Fori Imperiali, in cui è possibile ammirare ricomposizioni di partiture della decorazione architettonica e scultorea dei Fori ottenute con frammenti originali, calchi e integrazioni modulari in pietra. basiliche paleocristiane con antichi mosaici. Basilica di Santa Prudenziana: una delle chiese più antiche di Roma, sorta sulla casa del senatore Pudente del quale si narra sarebbe stato ospite San Pietro e ove più tardi (nel II secolo), fu costruito un edificio termale. All'interno, si può ammirare il mosaico del IV secolo ritagliato nel '500, tra i più antichi di Roma. Basilica di Santa Maria Maggiore: situata sulla sommità del colle Esquilino, è una delle quattro Basiliche patriarcali di Roma ed è la sola che abbia conservato le strutture paleocristiane. Nell'area archeologica sotterranea è possibile  scoprire interessanti ambienti di casa abitata dal I al IV secolo d.C., un raro calendario ad affresco con scene di lavori agricoli (fine II sec. d. C.) nonché alcune testimonianze della Basilica Paleocristiana fondata da papa Sisto III (432-444). Attraverso una apposita visita alla Loggia delle Benedizioni è possibile ammirare i mosaici del XIII sec. dell'antica facciata. Passeggiata da piazza di Spagna fino al Museo dell'Ara Pacis, la prima opera di architettura realizzata nel centro storico di Roma dalla caduta del fascismo ai nostri giorni, su progetto di Richard Meier, e al cui interno si trova l’altare celebrativo della Pace augustea, uno degli esempi più alti dell'arte classica. Foro Romano e Palatino: una spettacolare area archeologica compresa tra piazza Venezia e il Colosseo e attraversata dalla via dei Fori imperiali; proseguendo senza soluzione di continuità sul Palatino e sul Campidoglio, costituisce il complesso archeologico più grande e più importante al mondo. Qui si addensano praticamente tutti i più grandi edifici pubblici e sacri della Roma repubblicana. Basilica di Santa Maria Aracoeli: eretta sulle rovine del Tempio di Giunone Moneta nel VI secolo, la chiesa possiede molte opere d'arte e sorge sulla cima più alta del Campidoglio, da cui si gode un bel panorama di Roma con le cupole di Sant'Andrea della Valle e di San Pietro. Musei Capitolini: sono considerati il primo museo al mondo, inteso come luogo dove l'arte fosse fruibile da tutti e non solo dai proprietari. La raccolta antiquaria si arricchì nel tempo con donazioni di vari papi. Le raccolte dei Musei Capitolini sono esposte nei due edifici che insieme al Palazzo Senatorio delimitano la piazza del Campidoglio, il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Nuovo, collegati tra loro da una galleria sotterranea che ospita la Galleria Lapidaria e conduce all'antico Tabularium, le cui arcate monumentali si affacciano sul Foro Romano.

 

A cura di Valeria Gerli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Sabato 10 e domenica 11 marzo 2018:
FIRENZE 2018

Firenze ha traghettato il mondo occidentale dal Medioevo alla modernità con il suo Rinascimento. Firenze è una meta speciale e come ogni anno ne scopriremo i tesori. Il Museo dell’Opificio delle pietre dure è oggi un Istituto autonomo del Ministero dei beni e delle attività culturali che, nel tempo, si è occupato del restauro e della conservazione dei grandi capolavori dell'arte italiana. Nasce nel 1588 per volere di Ferdinando I de' Medici come manifattura artistica della lavorazione della pietra dura. Il percorso museale si svolge tra arredi preziosi ed esempi straordinari di "commesso lapideo" e scagliola, includendo anche i banchi da lavoro antichi per meglio comprendere questa difficile tecnica decorativa. Casa Buonarroti è il luogo della memoria e della celebrazione del genio di Michelangelo, e insieme fastoso apparato barocco ed esposizione delle ricche collezioni d’arte della famiglia. Il Museo Horne è un raffinato scrigno di capolavori di pittura e scultura da Giotto a Simone Martini, a Masaccio, a Filippino Lippi, a Domenico Beccafumi e al Giambologna, ma anche una casa arredata con pezzi pregiati dal Duecento al Seicento. Musei di San Marco: all’interno i dipinti di Beato Angelico, uno dei massimi pittori del Rinascimento, che affrescò molti ambienti del convento. Altri dipinti dell'Angelico, di varia provenienza, vi sono stati raccolti nel Novecento, pertanto il museo offre una straordinaria documentazione dell'attività del pittore. Importanti sono anche le raccolte del Cinquecento, con opere di Fra Bartolomeo, e la sezione dedicata a reperti provenienti da edifici del centro storico demoliti nell'Ottocento.

 

A cura di Costanza Cimarelli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 5 all'8 aprile 2018:
TESORI NAPOLETANI E CAMPANI

Visitare Napoli vuol significare immergersi in uno scenario di straordinaria complessità e bellezza: 2.500 anni di storia rappresentati e ricostruiti da testimonianze artistiche e architettoniche di enorme valore che, nell'attuale tessuto urbano, si incrociano, si sovrappongono. Ogni angolo della città custodisce opere di inestimabile valore artistico e storico. Palazzi, chiese, strade, antiche fortezze e castelli in mezzo al mare, ma anche luoghi carichi di mistero e misticismo che fanno di Napoli una tappa indimenticabile per ogni viaggiatore. Non da meno i dintorni, con le loro ricchezze artistiche e paesaggistiche. Passeggiata tra i Decumani: non solo semplici palcoscenici, ma luoghi simbolo di questa città, parte integrante della sua storia, della mitologia e delle leggende che l'attraversano. Cappella Sansevero: uno dei più singolari monumenti che l'ingegno umano abbia mai concepito, dove creatività barocca e orgoglio dinastico, bellezza e mistero s'intrecciano. Napoli sotterranea: una città nascosta che regala l'emozione e la suggestione di attraversare, a tratti, cunicoli illuminati unicamente dalla luce delle candele. Museo di Capodimonte: ben sei sono le sezioni che ospitano dipinti, sculture e oggetti che testimoniano il patrimonio culturale di Napoli tra eredità dal mondo occidentale e imprevedibili influenze e sorprendenti contatti col mondo orientale. Catacombe di San Gennaro: una storia millenaria che vive nel sottosuolo di Napoli, un viaggio alla scoperta dello stretto legame di fede tra la città e il suo patrono San Gennaro. Reggia di Caserta: è la residenza reale più grande al mondo, che eguaglia, se non addirittura supera, la magnificenza e lo splendore di Versailles e che rappresenta certamente l’ultimo grande esempio di architettura barocca italiana. Casertavecchia: magnifico gioiello posto a 450 metri di altezza, il borgo medioevale è dichiarato Monumento nazionale per le sue caratteristiche artistiche e  per la sua storia. A Capua, visita all'Abbazia di Sant’Angelo in Formis, i cui affreschi costituiscono l'esemplare meglio conservato di Bibbia illustrata dell’XI secolo. L'area archeologica di Paestum: un sito archeologico di estrema importanza, con i resti dell'antica città di Poseidonia. Tanti scrittori, poeti e artisti come Goethe, Shelley, Canova e Piranesi sono rimasti affascinati da questo spettacolo che si è rivelato per loro fonte di ispirazione. I 3 templi (di Hera, di Nettuno, di Cerere) con i loro altari, la piazza principale della città greca (agorà) con i suoi edifici simbolo come la tomba dell’eroe fondatore (heroon) e la struttura circolare per le assemblee (ekklesiasterion), il Foro, l’Anfiteatro, il Campus, la piscina. Il Museo archeologico nazionale di Paestum, sorto all'interno della città antica, documenta l'evoluzione e le trasformazioni della città e illustra le trasformazioni nell'organizzazione sociale e pubblica, i riti religiosi, gli aspetti della vita quotidiana, l'arte e l'artigianato. Salerno occupa una posizione geografica privilegiata di cerniera tra la Costiera Amalfitana e la Costiera cilentana. Del periodo medioevale, in cui godette del massimo splendore, il centro storico conserva moltissime testimonianze. Passeggiata nel centro storico e visita alla Cattedrale di SS. Matteo e Gregorio Magno, edificio romanico con molte opere artistiche, il cui cuore è senz'altro la cripta, dove nel 1081 furono deposte le reliquie di san Matteo e dei santi martiri salernitani.

 

A cura di Valentino Scrima.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 25 al 29 aprile 2018:
COTSWOLDS (INGHILTERRA): IL VERO BRITISH STYLE

Le colline Cotswolds, una regione del sud-ovest dell'Inghilterra, occupano parte delle contee di Oxfordshire, Gloucestershire, Wiltshire, Somerset, Warwickshire e Worcestershire. Le Cotswolds sono la quintessenza della campagna inglese, il vero British Style, amata da scrittori e celebrità: le vallate infinite, i boschi di faggio e il silenzio che avvolge ogni villaggio, le rendono un luogo di sofisticata bellezza, una delle zona più belle della Gran Bretagna. Era la terra dei commerci di lane robuste per tutto il Regno. Poi è stata zona di conquista per tanti mercanti d’arte della vecchia Europa, attratti da gallerie e centri stracolmi di pezzi vittoriani, edoardiani a prezzi imbattibili. Oggi questa regione di dolci colline è la più grande delle aree protette del Regno Unito, di villaggi aggrappati al tempo e alle tradizioni, di giardini rococò. Sono stati infatti i ricchi mercanti lanieri a lasciare chiese sontuose, palazzi eleganti nelle città e residenze di campagna, le Manor House, costruite con la pietra arenaria locale del color del miele. OXFORD: conosciuta come "la città dalle sognanti guglie" per l'armonica architettura degli edifici dell'università. All Souls College: fondato da Enrico VI, è famoso per essere estremamente selettivo. Christ Church College: fondato nel 1546, è uno dei più grandi collegi di Oxford oltre ad ospitare al suo interno la cattedrale della città, che funge da cappella del college. Biblioteca Bodleiana: una delle più antiche biblioteche pubbliche del mondo moderno (1602). Passeggiata sulla Dead Man Walk e lungo la Queen's Lane. L'Ashmolean Museum, museo d’arte antica e moderna e archeologia, è uno dei musei pubblici più antichi al mondo. KELMSCOTT: visita al maniero di Kelmscott Manor, situato nella valle del Tamigi, con il suo giardino. Passeggiata a BIBURY, definito da William Morris "il più bel villaggio d'Inghilterra", che incanta per la sua splendida Arlington Row, una fila di cottage dal fascino fiabesco. Visita al borgo di BURFORD, caratterizzato da edifici costruiti a partire dal XV secolo. WOODSTOCK: visita al Blenheim Palace, con parco e giardini. Inserito tra i Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO, il palazzo fu costruito tra il 1705 e 1722 come ricompensa a John Churchill per le vittorie militari contro la Francia. In stile barocco, è uno dei pochi esempi di fusione tra residenza familiare, mausoleo e monumento nazionale. AVEBURY: uno dei siti megalitici meglio conservati ed è databile attorno a 5000 anni fa. Passeggiata nel borgo di LACOCK, con i suoi edifici in pietra grigia risalenti al XVIII secolo. BATH: città famosa come centro termale, ricostruita nel XVIII secolo in stile georgiano, ha molti monumenti in stile neoclassico ed è stata dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità. Un aspetto caratteristico di Bath è il Royal Crescent con il vicino Circus, ideati da John Wood il Vecchio e realizzati da John Wood il Giovane tra il 1754 ed il 1774. Essi rappresentano il sogno visionario del suo progettista di dare un aspetto neoclassico e palladiano alla città di Bath. Abbazia: è uno dei maggiori esempi di gotico perpendicolare della West Country. Terme Romane: costruite ai tempi dell'imperatore Vespasiano, nel 75 d.C., erano conosciute in tutto l'Impero Romano e frequentate da gente di ogni classe sociale. SUDLEY: visita al castello e ai giardini. CHIPPING CAMPDEN: villaggio che offre ai visitatori un'immagine della tradizionale vita in campagna con edifici storici tra cui la chiesa di San Giacomo e il granaio. L'HIDCOTE MANOR GARDEN è uno splendido giardino, uno dei più importanti d'Inghilterra, dove si possono ammirare i fiori più belli di ogni stagione.

 

A cura di Alberto Marchesini.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 10 al 14 maggio 2018:
LA SICILIA OCCIDeNTALE

La Sicilia Occidentale è quella parte della regione che si affaccia sulla costa nord-ovest e comprende le tre province di Palermo, Trapani e Agrigento. L'area è quella che tra il VII e il II secolo a.C. fu influenzata dalla cultura punica, oltre che successivamente greca. Una terra incredibilmente affascinante, ricca di storia e luoghi incantevoli. A spingere il visitatore verso la parte più occidentale della Sicilia sono le moltissime combinazioni della storia che formano un paesaggio incantevole, con infiniti punti di vista. TRAPANI: denominata anche "città tra due mari" in quanto si protende su una stretta lingua di terra, circondata dal mare. Santuario di Maria Santissima Annunziata: il santuario mariano più famoso della Sicilia occidentale, in stile barocco-rinascimentale. Chiesa del Collegio dei Gesuiti: uno tra i più significativi monumenti barocchi della città, al suo interno è sfarzosamente decorata. Cattedrale: la sua costruzione risale al 1421, voluta da Alfonso Magnanimo, della dinastia degli aragonesi, ha raggiunto l’attuale aspetto solo nel ‘700. Chiesa del Purgatorio: sede dei "20 gruppi scultorei" della processione dei Misteri. Torre di Ligny (108 gradini), antica torre costiera. AGRIGENTO: visita guidata con guida locale nella Valle dei Templi, dal 1997 nella lista del Patrimonio mondiale dell’umanità secondo l’UNESCO. Il parco che la accoglie è il più esteso parco archeologico del mondo: circa 1300 ettari, raccoglie dieci templi dorici, tre santuari e diverse necropoli. Sono presenti nell’area anche opere idrauliche come il giardino della Kolymbetra e gli Ipogei, fortificazioni e una parte di un quartiere ellenistico-romano. Fra i luoghi di riunione dell’antica Grecia, troviamo l'Agorà inferiore nei pressi del tempio di Zeus olimpio e l'Agorà superiore nel complesso museale. Traghetto per l'isola di FAVIGNANA (Egadi) e visita del centro storico, con le tradizionali architetture mediterranee, e al Museo della Tonnara (ex stabilimento Florio, con guide interne). MAZARA DEL VALLO, con i quartieri a impianto urbanistico islamico tipico delle medine, conserva numerose chiese monumentali, alcune risalenti all'XI secolo. Cattedrale del Santissimo Salvatore: sorse in epoca normanna, ricostruita completamente alla fine del XVII secolo in stile barocco. Museo del Satiro: espone il patrimonio sommerso recuperato nel canale di Sicilia, tra cui il Satiro danzante, preziosa statua bronzea, prodotto originale dell'arte greca, emblema della bellezza mediterranea. Escursione in barca alla Laguna dello Stagnone, proseguimento per le Saline e visita con guida locale: un luogo magico, fuori dal tempo. Un paesaggio naturale suggestivo, mozzafiato, di rara bellezza per i suoi colori, i profumi, per le sue bianche saline con i mulini a vento. MARSALA: terra leggendaria nel cuore del Mediterraneo. Visita del centro storico. SELINUNTE: un lembo di antica Grecia, con un parco archeologico ricco di templi, santuari, fortificazioni, metope scolpite. Uno dei più alti e grandiosi esempi di integrazione tra urbanistica, architettura e paesaggio dell’intero Mediterraneo. ERICE: antica città fenicia e greca, arroccata a 751 m di altezza, la città è un labirinto di stradine acciottolate. Duomo dell’Assunta: con pregevoli sculture dei secoli XV e XVI. Chiesa di San Giuliano: costruita già nell'XI secolo per ordine di Ruggero il Normanno, ospita i gruppi statuari dei "Misteri". Giardino del Balio (esterno) e Castello di Venere (esterno). SEGESTA: di particolare bellezza nel parco archeologico sono il tempio, in stile dorico, e il teatro, in parte scavato nella roccia della collina.

 

A cura di Christian Citterio.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 22 al 27 maggio 2018:
MIDI PYRENÉEs (francia)

Con capitale Tolosa, la regione dei Midi-Pyrenées occupa gran parte dell’area Sud-occidentale della Francia. Attorno ai grandi siti, castelli, borghi pieni di fascino, città fortificate, città templari, grotte rupestri, chiese, cattedrali ed abbazie, il Midi-Pirenei conserva un patrimonio di un’infinita diversità, incontaminato, protetto, viva testimonianza della Preistoria, del Medioevo e del Rinascimento.

 

A cura di Costanza Cimarelli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 7 al 10 giugno 2018:
I PORTI IMPERIALI DeLL'ANTICA ROMA

Nel II sec. a.C., in età repubblicana, il sistema portuale a servizio di Roma si basava sui porti marittimi di Ostia, alla foce del Tevere e di Pozzuoli (Puteoli), nel golfo di Napoli e sullo scalo fluviale interno della città, l’emporium, realizzato sulla riva sinistra del Tevere. La forte crescita demografica di Roma indusse l’imperatore Claudio a far costruire, a partire dal 42 d.C., un nuovo scalo marittimo a circa 3 km a nord di Ostia. Il grande porto tuttavia si mostrò presto poco sicuro in confronto alle tempeste e con tendenza a insabbiarsi. Meno di cinquant’anni dopo, Traiano (inizi del II sec. d.C.) fece riprogettare il porto. Un itinerario alla scoperta dei siti archeologici del litorale romano, che portano i segni della globalizzazione di 2.000 anni. Un percorso legato al commercio marittimo dell'Urbe, lungo le vie dove passava gran parte dell’enorme quantità di beni necessaria a rifornire l’immensa capitale, che era una città cosmopolita, che vedeva gente di ogni etnia e religione arrivare da ogni angolo dell’impero. ROMA: Museo della via Ostiense a Porta San Paolo, che conserva materiali provenienti dal territorio compreso tra Roma e Ostia. Cimitero Acattolico: si distingue per la grande concentrazione di artisti, scrittori, studiosi e diplomatici ivi sepolti, «Una mescolanza di lacrime e sorrisi, di pietre e di fiori, di cipressi in lutto e di cielo luminoso, che ci dà l'impressione di volgere uno sguardo alla morte dal lato più felice della tomba» (Henry James). Basilica di San Paolo fuori le Mura: lungo la via Ostiense, è una delle quattro basiliche papali di Roma, la seconda più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano e rientra nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco dal 1980. OSTIA ANTICA: di importanza strategica per il controllo dei traffici fluviali e per la presenza delle saline, oggi è un borgo perfettamente conservato e racchiuso da una cinta muraria, una piazza su cui affacciano abitazioni realizzate nel Quattrocento ed un castello costruito per difendere l’ultimo tratto del Tevere. Castello di Giulio II: ospitava i locali della Dogana pontificia nonché l’appartamento papale affrescato dalla bottega di Baldassarre Peruzzi. Basilica di Sant’Aurea: progettata da Baccio Pontelli, ed edificata sull’antico edificio di culto paleo-cristiano dedicato alla martire, incatenata ed annegata. Parco archeologico: insieme a Pompei è il sito archeologico più grande del pianeta, con un'area di 150 ettari. Necropoli, teatro, piazzale delle corporazioni con caratteristici mosaici, foro, capitolium, terme, piccolo museo di sculture in marmo, domus, fino ai quartieri residenziali, terme di porta Marina, Sinagoga. FIUMICINO: sul sito dell'antica Portus, il porto dell'antica Roma. Area archeologica dei Porti Imperiali: complesso monumentale che comprende il Porto di Claudio e di Traiano, realizzati per ottimizzare gli approvvigionamenti della città di Roma. Necropoli di Porto: suggestivo sito archeologico all'interno di un triangolo di terra, conosciuto in passato col nome di Isola Sacra, con oltre 200 edifici funerari. VIA APPIA ANTICA: la più famosa e antica tra le strade romane, detta anche Regina Viarum, una delle più grandi opere di ingegneria del mondo antico per l'enorme impatto economico, militare e culturale che essa ha avuto sulla società romana. La percorreremo partendo dalla torre di Capo di Bove, passando dal Mausoleo di Cecilia Metella (esterni), alla Villa di Massenzio (visita del circo e del mausoleo dinastico) fino alle Catacombe di San Callisto, il nucleo cimiteriale più antico, e meglio conservato, della Via Appia.

 

A cura di Valeria Gerli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)


 

· Dal 20 al 25 giugno 2018:
NORVEGIA

Secondo il World Happiness Report 2017 la Norvegia si è aggiudicata il titolo di “Paese più felice” del mondo, in base a criteri come libertà, onestà, benessere, buona salute e generosità. Prendiamo parte a ciò che li rende felici con un viaggio alla scoperta della terra dei fiordi, della pesca, della natura incontaminata. Uno dei paesi più belli della Terra con un magnifico ma severo ambiente naturale, spettacolari panorami e città eleganti e curate. La varietà geografica del paese è una sorpresa per molti turisti che immaginano la Norvegia come un monolite di ghiaccio. Invece, al sud temperato si trovano campagne ondulate, foreste incantevoli, spiagge soleggiate e spettacolari fiordi occidentali. La Norvegia è la tela su cui Madre Natura ha dipinto una delle sue più belle opere d'arte e di fronte a un capolavoro naturale tanto splendido, è facile dimenticare che anche l'uomo può essere un artista, con le chiese di legno medievali, le città millenarie, le architetture. OSLO: esterni di Palazzo Reale, Teatro Nazionale e il Parlamento (guida locale). Museo delle navi vichinghe e la Galleria Nazionale, che ospita l’esposizione d’arte più importante della Norvegia organizzata in un percorso museale piuttosto insolito, che preferisce accostare artisti ad opere differenti tra loro. Parco Frogner, col suo monumentale insieme di sculture opera di Gustav Vigeland (guida locale). RINGEBU: la Stavkirke, chiesa costruita interamente in legno, nel XII secolo, applicando le tecniche di costruzione proprie della navi vichinghe. Queste chiese norvegesi sono gli edifici di legno più antichi del mondo che siano arrivati fino ai nostri giorni. Solo una trentina sono sopravvissute e sono dichiarate Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. ALESUND: nota in tutto il mondo per l'elegante architettura liberty, ricca di torri, guglie e decorazioni, esempio bellissimo di Art Nouveau, lo stile con cui la città è stata ricostruita dopo il terribile incendio che la rase al suolo nel 1904. Attraverso la Strada dei Trolls, vertiginosa strada che si arrampica sulle scoscese pareti di roccia ed offrendo panorami spettacolari. Sosta al magnifico belvedere sulla città. Giornata dedicata alla visita della Regione dei Fiordi, dalle bellezze incredibili, con minicrociera sul Fiordo di Geiranger, uno dei più impressionanti del mondo. Si potranno ammirare numerose cascate roboanti che cadono a strapiombo nelle acque del mare, come "il velo della sposa" o "le sette sorelle”. Crociera sul Sognefjord, il più lungo e profondo di tutti i fiordi norvegesi, sbarco a GUDVANGEN, che nell'era vichinga era un importante punto commerciale. Trasferimento attraverso i tornanti della suggestiva Valle di Stalheim, dai panorami mozzafiato, alla capitale dei fiordi, BERGEN: visita guidata della città (guida locale), densa di storia e tradizione, intrisa di fascino e atmosfere tipiche di un piccolo borgo. Piazza del Mercato con i colorati banchi di pesce, fiori e prodotti ortofrutticoli. Cattedrale Mariakirken, gotico-romanica. Fortezza Bergenhus Festning (esterno). Lo storico quartiere di Bryggen, la zona del porto con vecchie botteghe e case in legno dai colori vivaci.

 

A cura di Valentino Scrima.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)

 

· Dal 30 settembre al 3 ottobre 2018:
PALERMO

Ciò che rende stupefacente Palermo e il suo territorio è la sua autenticità, la sua varietà e unicità. Un libro di storia e di arte le cui pagine racchiudono simultaneamente centinaia di anni di storia e cambiamenti. Prima città greca e romana, poi capitale araba, in seguito conquistata da Normanni e Svevi, questa è Palermo, un luogo in cui convivono la preziosità arabesca e normanna, il gusto barocco e liberty dei monumenti, palazzi e teatri, ma anche dei giardini e dei mercati. Oratorio di Santa Cita, Oratorio di San Lorenzo, Chiesa della Martorana, Chiesa di San Cataldo, Fontana Pretoria, Quattro Canti, Teatro Massimo (guida interna obbligatoria), Oratorio di San Domenico, Villino Florio all'Olivuzza (guida interna obbligatoria), Palazzo della Zisa, Cattedrale e chiostro di Monreale, Catacombe dei Cappuccini, Palazzo dei Normanni con Cappella Palatina, Cattedrale della Santa Vergine Maria Assunta (museo del tesoro, tombe, cripta e terrazze), Palazzo Abatellis. Palermo sarà Capitale della Cultura 2018!

 

A cura di Valentino Scrima.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)

 

· Dal 12 al 14 ottobre 2018:
VENEZIA 2018

Venezia è soffocata da una sequenza di immagini stereotipate. Un modo per capirla forse è quello di ricostruirne la storia quotidiana lasciando parlare le pietre, i campi, le case, i saloni dei palazzi. E' vero che chi visita Venezia per la prima volta non può prescindere dai luoghi più famosi, ma noi ogni anno ci diamo un appuntamento per un viaggio attraverso una Venezia lontana dai luoghi comuni. Basilica di San Giovanni e Paolo: considerata il pantheon di Venezia a causa del gran numero di dogi veneziani e altri importanti personaggi che vi sono stati sepolti a partire dal Duecento. Ricca di monumenti sepolcrali, dipinti e sculture opera dei maggiori artisti veneziani. Chiesa Santa Maria dei Miracoli: uno dei primissimi edifici di stile rinascimentale costruiti a Venezia. Una chiesa davvero speciale, sia dal punto di vista storico-artistico, sia sentimentale per i veneziani. Museo di Anatomia Patologica Andrea Vesalio: è una preziosa testimonianza della storia dell’Anatomia Patologica veneziana. I reperti custoditi sono rappresentativi degli ultimi due secoli di attività dell’istituzione ospedaliera cittadina. Le origini del museo si possono far risalire al 1874 e nel corso degli anni le raccolte sono state implementate, grazie al contributo di valenti anatomopatologi. Intera giornata dedicata alla Biennale di Architettura 2018 dal titolo “Freespace”: rappresenta la generosità e il senso di umanità che l’architettura colloca al centro della propria agenda, concentrando l’attenzione sulla qualità stessa dello spazio. Con questo tema la Biennale presenterà al pubblico esempi, proposte, elementi – costruiti o non costruiti – di opere che esemplificano le qualità essenziali dell’architettura: la modulazione, la ricchezza e la materialità delle superfici, l’orchestrazione e la disposizione in sequenza del movimento, rivelando così le potenzialità e la bellezza insite nell’architettura. Percorso Carlo Scarpa: il Negozio Olivetti di Venezia è un piccolo locale a due piani ubicato in Piazza San Marco, opera dell'architetto Carlo Scarpa. Dopo aver perso per anni la sua funzione originale, nel 2011 il negozio è stato riaperto dopo un attento restauro filologico, che ne ha restituito i colori, gli arredi e la collezione di macchine Olivetti originale. Collezione Querini Stampalia: l'antica collezione risulta costituita da dipinti, mobili e preziose suppellettili che hanno accompagnato la vita quotidiana, gli affetti, il lavoro, la cultura della famiglia Querini. Tavole trecentesche di scuola neobizantina, capolavori rinascimentali come la “Presentazione di Gesù al Tempio” di Giovanni Bellini, si affiancano a ritratti di Sebastiano Bombelli, alle piccole tele di Pietro Longhi, alle scene di vita pubblica e privata veneziana di Gabriel Bella, e al grande ritratto di Giambattista Tiepolo. Davvero unica è la raccolta di oggetti d'arte decorativa, mobili di pregio, globi, porcellane europee, strumenti musicali, antichi orologi, insieme a sculture venete e arazzi fiamminghi.

 

A cura di Costanza Cimarelli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
Scaricare il programma completo (pdf)

 

· Dal 25 al 28 ottobre 2018:
LA CIVILTÀ DELL'ETRURIA MERIDIONALE

L’Etruria Meridionale è una regione ricca di storia e di cultura. Abitata sin dall’età del ferro, rappresentò il punto di massimo sviluppo della cultura etrusca, intesa come evoluzione di quella villanoviana, dando vita alla migliore produzione artistico-culturale. Cerveteri, Tarquinia, Ceri, Santa Severa danno l’idea della magnificenza della civiltà tirrenica in questa regione.

 

A cura di Valeria Gerli.
Per partecipare è necessario aderire all'Associazione Clessidra.
PROSSIMAMENTE TUTTE LE INFORMAZIONI

 

Sito aggiornato il 12 febbraio 2018

© Associazione Culturale CLESSIDRA - Copyright 2015